Firenze

Palazzo Vecchio

Palazzo Vecchio, situato in piazza Signoria, è la sede del comune di Firenze, e allo stesso tempo uno dei monumenti più belli del capoluogo toscano.
Cerca Hotel, B&B e Case vacanze

Nella splendida cornice di piazza della Signoria, una delle più belle e importanti del centro storico di Firenze, la sagoma inconfondibile di Palazzo Vecchio con la sua bellissima torre civica spicca su tutto il resto.

Questo elegante palazzo risalente al Trecento, oggi sede del comune di Firenze, è da sempre il palazzo civico della città. Inizialmente noto come palazzo dei Priori, poi come palazzo della Signoria e infine come palazzo Ducale, durante la seconda metà del Cinquecento prese il nome di Palazzo Vecchio a seguito dello spostamento della corte di Cosimo I dè Medici all’interno del “nuovo” palazzo Pitti.

Oggi, Palazzo Vecchio è uno dei monumenti da non perdere durante una gita a Firenze: il suo profilo inconfondibile lo rende uno dei simboli assoluti della città, presente su cartoline e souvenir di ogni tipo; visitatene l’esterno e poi recatevi all’interno, dove potrete accedere gratuitamente ad alcuni ambienti, mentre altri sono parte del museo Palazzo Vecchio, uno dei musei più apprezzati e visitati della città.

L’importanza di Palazzo Vecchio nel tessuto economico-sociale fiorentino è tale che ai tempi di Firenze capitale fu adibito a parlamento del regno d’Italia.

Cosa vedere a Palazzo Vecchio

Oltre ad ammirare Palazzo Vecchio dall’esterno e scattare splendide foto, è possibile entrare all’interno dell’edificio, per vedere alcune meravigliose sale. L’accesso al piano terra, dove si trovano i tre cortili, è gratuito e aperto a tutti, mentre per salire al primo e al secondo piano è necessario pagare il biglietto d’ingresso.

Cortile di Michelozzo

Dalla scalinata d’ingresso principale di Palazzo Vecchio si accede al cortile di Michelozzo, un ambiente aperto al pubblico visitabile gratuitamente. Prende il nome dall’architetto fiorentino che lo progettò a metà del ‘400, ma la fisionomia attuale la acquistò oltre 100 anni più tardi, quando Giorgio Vasari progettò un ampliamento importante per l’occasione delle nozze tra Francesco I dè Medici e Giovanna d’Austria.

Il cortile è circondato da un magnifico porticato, le cui pareti sono riccamente decorate con le insegne delle chiese e delle corporazioni delle arti e mestieri di Firenze; in onore di Giovanna d’Austria sono poi raffigurate alcune città dell’Europa centrale, ex possedimenti degli Asburgo, come Praga, Graz, Linz, Bratislava, Vienna, Innsbruck e Costanza. Le volte del porticato sono infine arricchite da decorazioni grottesche.

Nel centro del cortile di Michelozzo vi è una piccola statua di bronzo del Putto con delfino, che si erge al centro di una fontana. La statua è opera del Verrocchio, ma quella che si può ammirare è soltanto una copia: l’originale è conservata con cura al secondo piano del palazzo. La fontana invece riceve le sue acque dalla collina di Boboli, per mezzo di un ingegnoso sistema di tubature progettato e ideato secoli fa.

Secondo e terzo cortile

Il cortile di Michelozzo è anche noto come “primo cortile”, mentre gli altri due si trovano immediatamente alle sue spalle. Essi non sono certo la parte più bella del palazzo, tuttavia sono gratuiti da visitare, e hanno anch’essi origini risalenti al ‘400, quindi perchè ignorarli? Passando attraverso di essi, si possono ammirare pregevoli elementi architettonici dell’epoca, come ampie volte sorrette da massicci pilastri.

Nel secondo cortile, chiamato anche cortile della Dogana per via della sua funzione originaria durante il Medioevo, si trova la biglietteria del museo e la libreria, mentre il terzo cortile, chiamato anche cortile Nuovo poichè fu l’ultimo ad essere stato costruito, è il meno interessante: è un cortile aperto e senza arcate, sul quale si affacciano alcuni uffici comunali, e da cui parte anche la scalinata che conduce all’ufficio del Sindaco di Firenze.

Salone dei Cinquecento

Quella che per molti è la sala più bella di Palazzo Vecchio si chiama Salone dei Cinquecento, si trova al primo piano ed ha dimensioni impressionanti: misura 54 metri di lunghezza e 23 di larghezza. Originariamente sede del consiglio maggiore della città di Firenze, fu costruita su volere di Savonarola e prende questo curioso nome dal fatto che gli oltre 1500 cittadini che formavano il consiglio si riunivano a rotazione a gruppi di 500 alla volta.

Al momento della costruzione le sue dimensioni erano più contenute: in seguito, Cosimo I dè Medici decise di ampliare la sala per poterla utilizzare come salone di corte. Le sue pareti ricordano il trionfo della storia militare fiorentina, specialmente contro le repubbliche di Pisa e Siena, con grossi affreschi ispirati alle guerre che Firenze faceva contro le sue rivali storiche. Il soffitto invece è opera di Vasari, ed è realizzato con 39 pannelli a cassettoni tutti finemente affrescati; il soggetto in questo caso è Cosimo I, e sono rappresentati alcuni importanti episodi della sua vita.

Alle pareti, tra un affresco e l’altro, vi sono ospitate delle nicchie, all’interno delle quali vi sono alcune sculture di Bandinelli, e una serie di arazzi medicei.

Studiolo di Francesco I

Alla fine del Salone dei Cinquecento si trova una piccola stanza senza finestre. E’ lo studiolo di Francesco I, realizzato in stile manieristico da Giorgio Vasari. E’ possibile ammirare la ricchezza e l’abbondanza di opere d’arte, appese alle pareti e disegnate sull’elegante soffitto a volte. Tra quadri, stucchi e sculture non smetterete di sgranare gli occhi e di rimanere ammaliati da tutta la bellezza che vi circonda.

Molti dei dipinti dello studiolo di Francesco I sono rappresentativi della scuola del Vasari, vi sono dei ritratti di Cosimo I e di sua moglie dipinti da Alessandro Allori, alcune sculture in bronzo del Giambologna, e due scalette che conducono al cosiddetto Tesoretto, l’antico studio di Cosimo I dè Medici.

Quartieri Monumentali

I Quartieri Monumentali di Palazzo Vecchio sono una serie di stanze situate tutte al primo piano, dedicate ai principali esponenti della famiglia dei Medici. Sono sale riccamente affrescate e decorate, che celebrano i Medici e la loro dinastia. A lungo usate come sale di rappresentanza da parte del Comune di Firenze, oggi sono aperte al pubblico e visitabili dai turisti, eccezion fatta per la Sala dei Dugento, poichè viene utilizzata dal consiglio comunale di Firenze come sala riunioni, e pertanto non è visitabile.

I Quartieri Monumentali di Palazzo Vecchio sono la sala di Leone X, la sala di Cosimo il Vecchio, la sala di Lorenzo il Magnifico, la sala di Cosimo I, la sala di Giovanni dalle Bande Nere, lo scrittoio, la cappella dei Santi Cosma e Damiano e la sala di Clemente VII. A esse si affiancano il Ricetto, la sala dei Dugento e la sala degli Otto.

Biglietti d’ingresso e visite guidate

Palazzo Vecchio è parte della rete dei musei civici fiorentini, di cui rappresenta il fiore all’occhiello. Il biglietto d’ingresso si acquista in loco oppure online. L’ingresso avviene dalla porta principale del palazzo che si affaccia su piazza Signoria o da quella laterale su via dei Gondi. Oltre al percorso standard, c’è anche la possibilità di intraprendere il percorso archeologico, dedicato agli scavi del teatro romano di Firenze, e di salire sulla torre e sul camminamento di ronda.

Biglietto di ingresso

Visite guidate

Il museo organizza visite guidate della durata di 50 minuti, riservate ad un massimo di 14 partecipanti, totalmente accessibili anche per i disabili. Le visite si tengono tutti i giorni dalle 10 alle 15:30 (il giovedì solo la mattina) e sono disponibili anche in inglese, francese e spagnolo.

E’ poi possibile prendere parte ad un tour dedicato alle famiglie con bambini da 4 a 10 anni, chiamato “Vita di corte”, un percorso guidato che ricorda i tempi di Cosimo I, della moglie Eleonora e dei loro 11 figli; il tour è disponibile in italiano e in inglese i giorni di venerdì, sabato, domenica e lunedì, alle 16:30. Ha una durata di 50 minuti e sono disponibili al massimo 7 posti.

In entrambi i casi il prezzo è di 5 euro oltre al normale prezzo di ammissione al museo.

E’ inoltre possibile prendere parte a visite guidate private organizzate da guide turistiche esterne ma dotate di regolare permesso e altrettanto valide.

Consigli per visitare Palazzo Vecchio

Il museo Palazzo Vecchio è dotato di libreria, negozio di souvenir, caffetteria e guardaroba in cui depositare obbligatoriamente ombrelli, zaini e borse grandi, e mette a disposizione servizi quali noleggio gratuito di sedie a rotelle e passeggini. E’ dotato di ascensore per chi ha disabilità motorie, e di uno spazio multimediale situato al secondo piano.

Il primo consiglio per visitare Palazzo Vecchio è quello di prenotare la vostra visita online con un certo anticipo, per evitare di fare la coda alla cassa o di trovarvi in una giornata particolarmente affollata in cui non ci sono più ingressi disponibili. Se potete, visitate Palazzo Vecchio fuori stagione per avere meno turisti da evitare per scattare le vostre foto.

Ricordatevi di mettere in conto almeno un paio d’ore, se non mezza giornata. D’inverno, visitatelo nel pomeriggio, così che possiate sfruttare le ore di luce per stare all’aperto; Palazzo Vecchio è anche la meta ideale da vedere a Firenze durante una giornata piovosa!

Ricordiamo ancora una volta che i cortili al piano terra di Palazzo Vecchio sono completamente gratuiti, quindi non fermatevi all’esterno, ma entrate dentro l’edificio e ammirate la bellezza del cortile di Michelozzo e i suoi affreschi dedicati a Francesco I dè Medici e alla sua consorte Giovanna d’Austria.

Sposarsi a Palazzo Vecchio

Essendo Palazzo Vecchio la sede del comune di Firenze, i matrimoni civili della città si celebrano qui. Gli sposi possono pronunciare il loro “si” all’interno di una cornice davvero unica al mondo, quella della Sala Rossa, una delle stanze più belle del palazzo.

Celebrare il matrimonio nella Sala Rossa è gratuito per i cittadini residenti a Firenze, in alternativa le tariffe variano a seconda della residenza dei due sposi:

Gli orari per celebrare i matrimoni sono molto stringenti, pertanto occorre prenotare con diversi mesi d’anticipo: la Sala Rossa è disponibile soltanto mercoledì dalle 9 alle 12, giovedì dalle 9 alle 12, o sabato dalle 9 alle 13. Sono presenti anche alcune sale da prendere in affitto previa prenotazione, per organizzare un brindisi, un buffet o un ricevimento.

I prezzi elencati sopra sono validi soltanto all’interno di questi orari; al di fuori di essi occorre pagare una somma aggiuntiva piuttosto elevata, che si aggira attorno agli 800 euro in base alla residenza degli sposi.

In alternativa alla Sala Rossa, è possibile sposarsi anche nella magica cornice del Salone dei Cinquecento. In questo caso, il costo non cambia: indipendentemente dalla residenza dei futuri sposi, ammonta a ben 5000 euro.

Inoltre, in occasione del matrimonio a Palazzo Vecchio, è possibile richiedere l’accesso alla ZTL per entrare in centro con l’auto; il Comune di Firenze mette poi a disposizione addobbi e piante verdi all’interno delle sale.

Come raggiungere Palazzo Vecchio

Palazzo Vecchio si trova in piazza della Signoria, una delle principali piazze del centro di Firenze. Lo si raggiunge esclusivamente a piedi, ma le distanze a Firenze non sono mai troppo elevate. Ci vogliono infatti poco più di 10 minuti di cammino dalla stazione di Santa Maria Novella, altrettanti da piazza Santa Croce e circa 5 minuti da piazza del Duomo. Naturalmente questi sono tempi teorici: potreste impiegarci anche diverse ore, data l’abbondanza di cose da vedere lungo i percorsi!

Arrivare a Palazzo Vecchio in auto è vietato, in quanto piazza della Signoria fa parte della ZTL del centro storico cittadino, e come quasi tutta l’area è completamente pedonale. I residenti possono parcheggiare nella vicina via dei Gondi o in piazza San Firenze. Se pernottate in un hotel da queste parti e siete arrivati a Firenze in auto, verificate con la struttura se avete diritto ad un accesso ZTL o meno.

Informazioni utili

Indirizzo

P.za della Signoria, 50122 Firenze FI, Italia

Contatti

TEL: +39 055 276 8325

Orari

  • Lunedì: 09:00 - 22:00
  • Martedì: 09:00 - 22:00
  • Mercoledì: 09:00 - 22:00
  • Giovedì: 09:00 - 14:00
  • Venerdì: 09:00 - 22:00
  • Sabato: 09:00 - 22:00
  • Domenica: 09:00 - 22:00

Dove si trova

Palazzo Vecchio si trova in piazza Signoria, nel cuore del centro storico di Firenze. Lo si raggiunge comodamente a piedi dalla stazione o da piazza del Duomo percorrendo l'elegante via Calzaiuoli, la principale via dello shopping della città.

Come risparmiare su trasporti e biglietti d'ingresso

Le City Card permettono di risparmiare sui mezzi pubblici e/o sugli ingressi delle principali attrazioni turistiche.

Pass Firenze
Pass Firenze
Il Florence Pass è la tua chiave per sbloccare la Città dei Gigli. Facendoti risparmiare tempo e denaro, il Florence Pass supercaricherà i tuoi piani di visita, con l'ingresso prioritario alla Galleria degli Uffizi e alla Galleria dell'Accademia, famose in tutto il mondo.
Acquista da 90,00 €

Attrazioni nei dintorni