Firenze

Piazzale Michelangelo

Il balcone su Firenze più bello e fotografato ha un nome: è il piazzale Michelangelo, una delle mete della città preferite da fiorentini e turisti.
Cerca Hotel, B&B e Case vacanze

Il piazzale Michelangelo, per i fiorentini semplicemente il Piazzale, è una terrazza che si affaccia sulla città, costruita sulla collina a sud del centro storico di Firenze dall’architetto Giuseppe Poggi nel 1869. Da questa posizione privilegiata è possibile ammirare una magnifica vista del capoluogo toscano, un panorama davvero unico che ingloba tutti i principali monumenti di Firenze, dal Duomo al Ponte Vecchio, dalla basilica di Santa Croce a Palazzo Vecchio.

La vista di Firenze dal Piazzale è riprodotta in migliaia di cartoline, gadget e souvenir, pertanto potreste sicuramente avere già un’idea di quello che vi aspetta. Tuttavia, vedere la città dall’alto in prima persona è una sensazione completamente diversa, e pertanto visitare il piazzale Michelangelo è un vero e proprio must per chiunque si trovi in città, anche solo per un weekend.

Inoltre, al Piazzale ci sono una serie di attrazioni interessanti, tra monumenti, giardini, bancarelle di souvenir e diversi bar all’aperto, dove rifocillarsi con una delle viste più belle del mondo. Non per nulla, il piazzale Michelangelo viene spesso reso una location per eventi e concerti, in cui gli artisti si esibiscono in una cornice davvero unica.

Cosa vedere al piazzale Michelangelo

Potreste pensare che l’unico scopo della visita al piazzale Michelangelo sia scattare una foto di Firenze dall’alto e tornare indietro. Niente di più sbagliato: ci sono infatti numerose attrazioni e monumenti che vale la pena visitare, per godersi al meglio la vostra permanenza in questa splendida parte della città.

Il Piazzale

La principale attrazione del piazzale Michelangelo è… il piazzale! In effetti, una volta giunti fin quassù, la prima cosa che viene naturale fare è affacciarsi al bellissimo balcone disegnato dall’architetto Poggi, ed ammirare una vista unica di Firenze. A meno che non l’abbiate già vista in una cartolina passeggiando per il centro, ovviamente!

Dall’alto del Piazzale, Firenze si rivela in tutta la sua bellezza: la vista spazia a 180 gradi, da ovest a est: all’estrema sinistra potrete osservare il forte di Belvedere, che si trova sulla collina adiacente, mentre spostando piano piano lo sguardo verso destra passerete in rassegna tutti i monumenti principali della città, che compongono lo skyline di Firenze: il ponte Vecchio, il Duomo, Palazzo Vecchio, e la Basilica di Santa Croce, il tutto sotto il corso pacifico dell’Arno. Sullo sfondo fa bella mostra di sè la vetta di Monte Morello, mentre più vicino si possono osservare gli abitati di Fiesole e Settignano.

Tra gli altri punti di riferimento cittadini degni di nota, magari meno conosciuti ai turisti, che si possono osservare dal Piazzale, ci sono l’enorme parco delle Cascine, meta prediletta dei locali nelle domeniche di sole, e il nuovo palazzo di Giustizia, che tanto ha fatto discutere in città per le sue linee moderne che si contrappongono al resto dei monumenti rinascimentali.

Sicuramente vorrete stare ore e ore ad ammirare Firenze dall’alto e a scattare meravigliose foto ricordo; tuttavia, nell’ampio piazzale, ci sono anche altri punti di riferimento da non perdere. Prima di tutto, al centro della piazza c’è un’enorme statua del David di Michelangelo (che ricordiamo essere una copia, poichè l’originale è conservata all’interno della Galleria dell’Accademia); inoltre, all’estremità nord del piazzale c’è una bella scala, luogo ideale per ammirare fantastici tramonti. Sedetevi sorseggiando un drink, e rilassatevi osservando gli artisti di strada che spesso si esibiscono in fondo alla scalinata, proprio come se fosse un anfiteatro.

Alle spalle del piazzale Michelangelo c’è una bella loggia costruita in stile neoclassico, sempre opera di Giuseppe Poggi. Sarebbe dovuta diventare un museo di Michelangelo, ma esso non fu mai istituito. Oggi al suo interno vi è un ristorante e un bar per gli aperitivi; nel muro al di sotto della loggia c’è un’epigrafe dedicata proprio al famoso architetto, che recita: “Giuseppe Poggi, architetto fiorentino. Volgetevi attorno, ecco il suo monumento”.

Abbazia di San Miniato al Monte

Dal piazzale Michelangelo, se voltate le spalle a Firenze, vi renderete conto di non essere sul punto più alto della collina. Non tutti sanno che è possibile avere un punto di vista diverso, per alcuni persino più bello, continuando a salire per pochi minuti fino ad arrivare all’abbazia di San Miniato al Monte. La si può raggiungere a piedi o in auto, e una volta giunti sul suo sagrato potrete ammirare un’altra splendida veduta del capoluogo toscano.

L’abbazia fu costruita in circa 200 anni, tra il 1100 e il 1300. All’esterno è riccamente decorata in marmo bianco e verde, mentre visitandola all’interno passerete accanto alle reliquie di San Miniato, conservate nella cripta sottostante, protette da un cancello risalente al Trecento. Ci sono numerose opere d’arte sacra molto belle, come gli affreschi di Taddeo Gaddi, o quelli di Spinello Aretino nella zona della sacrestia.

Oggi, l’abbazia di San Miniato al Monte è gestita e abitata dai monaci benedettini; è anche aperta a chi sceglie di trascorrere alcuni giorni di raccoglimento spirituale, ma sono vietati i soggiorni di carattere turistico. I monaci fabbricano candele in cera d’api, dolci e biscotti, che vengono poi venduti presso la farmacia monastica adiacente, aperta tutti i giorni dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 18.

Giardino delle Rose

Un’altra meta imperdibile per chi arriva al piazzale Michelangelo è il giardino delle Rose. Lo si raggiunge scendendo una ripida scalinata posta alle spalle del piazzale, ma la fatica (specialmente al ritorno) è ampiamente ripagata dalla bellezza che vi attende una volta arrivati. Vi troverete davanti Firenze incorniciata da piante e fiori, oltre 350 specie di rose, alcune sculture moderne opera dell’architetto belga Jean-Michel Folone donate alla città dalla sua vedova, e una serie di percorsi interessanti, come quello che si snoda attraverso il giardino giapponese, anch’esso una donazione, stavolta da parte della città di Kyoto, con cui Firenze è gemellata.

Tenete presente che il giardino delle Rose è stato costruito sul fianco della collina, ed arrivandoci dal piazzale Michelangelo sarà tutto in discesa. E’ possibile arrivare al giardino anche dalla porta di San Niccolò, nella zona di Oltrarno. In questo caso, il percorso sarà tutto in salita. L’accesso al giardino è gratuito, e gli orari variano a seconda della stagione. Le rose, naturalmente, sono presenti soltanto tra maggio e giugno.

Curiosità

Prima che la vedova di Jean-Michel Folone donasse a Firenze le opere del marito defunto nel 2011, il giardino delle Rose era aperto soltanto nei mesi di maggio e giugno, appunto in corrispondenza della fioritura delle rose.

Visite guidate

Piazzale Michelangelo è un’attrazione completamente all’aria aperta e pertanto gratuita. Tuttavia, se volete conoscere i suoi segreti e tutti i dettagli delle bellezze che andrete ad ammirare, potrete certamente prendere parte ad un tour privato o di gruppo, in partenza dal centro città, che vi toglierà ogni curiosità.

Inoltre, tenete presente che praticamente tutti i tour guidati di Firenze prevedono una sosta al piazzale Michelangelo.

Consigli per visitare il piazzale Michelangelo

Il piazzale Michelangelo si può visitare in autonomia, ma se vi interessa conoscere la storia e gli aneddoti, affidatevi ad una guida turistica. Ma attenzione: in loco non ci sono, dovrete quindi prenotarla in centro città prima di salire, o ancora meglio, direttamente online.

E’ importante sapere che i prezzi dei bar e dei ristoranti sono molto alti, e la qualità non è sempre eccelsa. Si paga soprattutto la location e la vista mozzafiato. Se volete risparmiare, al piazzale Michelangelo ci sono numerosi chioschi ambulanti: anzichè sedervi al tavolino, potete prendere da bere o un gelato e gustarvi una pausa sulla scalinata con una vista unica su Firenze.

Il piazzale Michelangelo è completamente esposto al sole per tutto il giorno e non ci sono zone ombrose, pertanto d’estate può fare molto caldo. Se l’afa vi sfianca, mettetevi al riparo sedendovi sui gradini della scalinata che conduce al giardino delle Rose, situata interamente all’ombra di alberi secolari.

Infine, nonostante il piazzale Michelangelo sia una delle destinazioni preferite dai turisti in visita a Firenze, data la sua estensione non è mai eccessivamente affollato. O meglio: lo è, ma troverete sicuramente una porzione di balconata tutta per voi dove scattare una foto, o un posto sulla scalinata dove sedervi.

Come arrivare a piazzale Michelangelo

E’ possibile arrivare al piazzale Michelangelo a piedi da ben 3 percorsi alternativi, oppure con gli autobus e i taxi del trasporto pubblico locale. Naturalmente resta sempre possibile usare l’auto propria.

Viale Michelangelo, 25 min (facile)

La strada che dal centro conduce al piazzale Michelangelo si chiama viale Michelangiolo, ed è una delle zone residenziali più esclusive di Firenze. La si imbocca da piazza Ferrucci, ai margini del centro storico, e potete pensare anche di farla a piedi: dalla stazione di Santa Maria Novella ci vogliono circa 30-45 minuti, la strada attraversa tutto il centro storico e poi da piazza Ferrucci inizia a salire con pendenza moderata; il percorso pedonale è separato dalla carreggiata da una siepe, quindi è adatta anche ai bambini. In tutto da piazza Ferrucci al piazzale Michelangelo ci vogliono circa 25 minuti a piedi, ma potrete accorciare di netto il percorso tagliando per via dei Bastioni, che al costo di una pendenza ben più elevata vi consente di accorciare il tragitto di circa 10 minuti.

Rampe di San Niccolò, 15 min (medio)

In alternativa, potete salire a piedi dalle rampe di San Niccolò, o rampe del Poggi, situate subito a fianco della torre di San Niccolò in piazza Poggi, affacciata sul lungarno Benvenuto Cellini. Così facendo dovrete salire una serie di scalinate e sarà certamente più faticoso, ma anche decisamente più corto e anche molto scenografico. Man mano che si sale, la vista di Firenze dall’alto diventa sempre più bella. Terminate le rampe, dovrete percorrere a piedi un ultimo pezzo di strada carrabile di discreta pendenza. Il percorso totale dalla torre di San Niccolò dura circa 10-15 minuti.

Via del Monte alle Croci, 10-15min (faticoso)

Una terza e ultima alternativa per arrivare a piedi al piazzale Michelangelo consiste nell’uscire dal centro di Firenze dalla porta di San Miniato, situata nella piazzetta omonima del quartiere di Oltrarno, e salire per via del Monte alle Croci: troverete una scalinata dopo pochi metri, è quella che conduce all’ingresso del giardino delle Rose, fino ad arrivare al piazzale Michelangelo. Dalla piazzetta San Miniato al piazzale Michelangelo ci vogliono circa 10 minuti, ma la strada è molto faticosa per via delle tantissime scale.

Bus, Taxi e auto

Infine, se non avete voglia, tempo o le forze per la camminata, potete affidarvi comodamente al trasporto pubblico locale. Ci si arriva ad esempio con le linee di autobus numero 12 o 13, oppure in taxi, che non sarà troppo costoso dato che la distanza è contenuta. Comodo anche arrivarci in auto, poichè la parte più interna del piazzale Michelangelo è adibita a parcheggio.

Infine, tutti i bus turistici fanno una fermata a piazzale Michelangelo.

Interessante anche sapere che il viale Michelangiolo, una volta giunti al piazzale, cambia nome in viale Galileo e continua facendo il giro della collina, riscendendo nei pressi di Porta Romana, passando prima per il forte di Belvedere. Per chi alloggia da queste parti, conviene salire da questa strada.

Dove si trova

Il piazzale Michelangelo si trova lungo Viale Michelangiolo, nella collina situata sulla sponda sud dell'Arno.

Alloggi Piazzale Michelangelo
Cerchi un alloggio in zona Piazzale Michelangelo?
Clicca qui per vedere tutte le strutture disponibili nei dintorni di Piazzale Michelangelo
Mostrami i prezzi

Come risparmiare su trasporti e biglietti d'ingresso

Le City Card permettono di risparmiare sui mezzi pubblici e/o sugli ingressi delle principali attrazioni turistiche.

Pass Firenze
Pass Firenze
Il Florence Pass è la tua chiave per sbloccare la Città dei Gigli. Facendoti risparmiare tempo e denaro, il Florence Pass supercaricherà i tuoi piani di visita, con l'ingresso prioritario alla Galleria degli Uffizi e alla Galleria dell'Accademia, famose in tutto il mondo.
Acquista da 99,00 €

Attrazioni nei dintorni