Firenze

Ponte Vecchio

Il ponte di Firenze per antonomasia è Ponte Vecchio, che attraversa l'Arno nel centro città regalando un magnifico scorcio del capoluogo toscano.
Cerca Hotel, B&B e Case vacanze

Di tutti i ponti che attraversano il corso del fiume Arno a Firenze, il Ponte Vecchio è sicuramente quello più attraente, fotografato, iconico e particolare del capoluogo toscano. Si trova in pieno centro cittadino, e attraversandolo avrete la sensazione di tornare indietro nel tempo, circondati da gioiellerie storiche ed eleganti statue, immersi in un contesto medievale e pittoresco.

Le due sponde dell’Arno collegate dak Ponte Vecchio sono entrambi meritevoli di una visita: da un lato c’è l’elegante via Por Santa Maria, che conduce alla bella loggia del Mercato Nuovo e ovviamente a piazza Duomo e a piazza Signoria; dall’altro lato siamo in Oltrarno, zona ricca di tradizioni, dove percorrendo via dè Guicciardini si arriva direttamente a Palazzo Pitti.

Oggi, attraversare il Ponte Vecchio è una delle cose da non perdere durante una visita di Firenze: non solo perchè è uno dei monumenti principali della città, ma anche perchè da qui si ammira uno splendido panorama dell’Arno, che va dal piazzale Michelangelo a sud-est fino al parco delle Cascine a ovest.

Il ponte prese il suo aggettivo “Vecchio” al termine della costruzione del vicino ponte alla Carraia, ai tempi detto “ponte Nuovo”.

La storia

La storia del Ponte Vecchio è antichissima, risale circa al 1100, anche se all’epoca non aveva esattamente la forma attuale. Una ricostruzione seguente ebbe luogo nel 1345, quando un ponte sull’Arno venne inaugurato su progetto di Taddeo Gaddi, formato con tre arcate e 4 edifici merlati ai quattro capi.

Il Ponte Vecchio collega le due sponde dell’Arno da secoli: durante la sua storia venne ampliato, arricchito e ristrutturato più volte, giungendo alla forma dei tempi nostri. Già nel 1442, ad esempio, sul ponte nacquero delle botteghe di frutta, verdura e carne: esse, nel 1594 vennero riconvertite in gioiellerie e laboratori orafi con un decreto di Ferdinando I, ruolo che svolgono ancora oggi; le finestre panoramiche risalgono invece ai tempi di Mussolini, fatte realizzare in occasione della visita di Hitler a Firenze nel 1938.

Nel XX secolo Ponte Vecchio venne soltanto sfiorato dai conflitti: i tedeschi decisero infatti di non farlo saltare, l’unico di tutta Firenze ad aver avuto questa fortunata sorte. Secondo alcuni, invece, Ponte Vecchio rimase in piedi soltanto perchè alcuni orafi sabotarono gli ordigni tedeschi, tagliandone i fili. Fu l’alluvione di Firenze del 1966 a portare i maggiori danni al Ponte Vecchio, ben più della guerra: il restauro finì soltanto 13 anni dopo, nel 1979.

Il corridoio Vasariano

Nel 1565, l’architetto Giorgio Vasari fu incaricato da Cosimo I dè Medici di costruire un collegamento percorribile senza pericoli tra la sede del potere centrale della famiglia, ossia Palazzo Vecchio, e la residenza privata, ossia Palazzo Pitti. Fu la nascita del corridoio Vasariano, ancora oggi visitabile, che passa attraverso gli Uffizi e sopra tutto il Ponte Vecchio.

La costruzione del corridoio, lungo circa 760 metri, durò soltanto 5 mesi, e quella che possiamo vedere oggi è praticamente l’impronta originaria, eccezion fatta per una serie di ripristini avvenuti durante l’Ottocento, quando alcuni archi vennero tamponati e altre sezioni rinforzate a seguito di un’alluvione. Nel Novecento, vennero aggiunte le finestre sopra Ponte Vecchio, ma a differenza di quest’ultimo venne duramente danneggiato dalle bombe della Seconda Guerra Mondiale: una parte del Corridoio Vasariano andò completamente distrutta, e venne ripristinata soltanto nel 1973.

Oggi, il Corridoio Vasariano è una magnifica attrazione da non perdere a Firenze; lungo il suo percorso, interamente gestito dalla Galleria degli Uffizi, si possono ammirare una serie di autoritratti e dipinti risalenti al ‘600 e al ‘700. Dopo una chiusura iniziata nel 2016 per motivi di adeguamento degli ambienti, la riapertura è prevista per l’autunno 2022.

I monumenti e i punti di interesse sul Ponte Vecchio

Camminando lungo Ponte Vecchio non potete fare a meno di ammirare alcuni monumenti e sculture che vale la pena sottolineare:

Consigli per visitare il Ponte Vecchio

Non pensate di visitare il Ponte Vecchio da soli: stiamo parlando di un’attrazione tra le più importanti di Firenze e di tutta la Toscana, pertanto mettete in conto di essere letteralmente circondati da turisti, e che per farvi una foto sull’Arno senza nessuno che disturbi la vostra inquadratura perfetta impiegherete diverso tempo. Se volete provare ad evitare la folla, recatevi sul ponte la mattina presto o la sera tardi.

Il giorno di maggiore affluenza è il 24 giugno, giorno del patrono di Firenze, San Giovanni. Durante la sera infatti è la cornice perfetta per ammirare i fuochi artificiali che vengono sparati dall’alto del Piazzale Michelangelo. Purtroppo però, non sarete gli unici ad avere questa idea, pertanto o arrivate diverse ore prima, o dovrete desistere.

Essendo un’attrazione aperta al pubblico, il Ponte Vecchio non ha un biglietto di ingresso, ed è visitabile gratuitamente 24 ore al giorno, 7 giorni su 7.

Infine, se volete fare shopping di oro e bracciali presso le gioiellerie, assicuratevi che i prezzi siano in linea con quelli del mercato.

Dove dormire al Ponte Vecchio

Gli immediati dintorni del Ponte Vecchio sono letteralmente pieni di hotel, quasi tutti di ottimo livello, a 4 o a 5 stelle. Per il massimo lusso consigliamo di soggiornare in una stanza con vista sull’Arno, così da poter ammirare il ponte anche dal comfort della vostra camera, anche se i prezzi non sono sicuramente alla portata di tutti.

Se invece volete rimanere nei dintorni di Ponte Vecchio ma spendere un po’ meno, nei pressi di entrambe le sponde ci sono diverse stradine laterali, dove si trovano piccoli hotel, affittacamere e B&B.

Offriamo le migliori tariffe Se trovi a meno rimborsiamo la differenza.
Cancellazione gratuita La maggior parte delle strutture permette di cancellare senza penali.
Assistenza telefonica h24 in italiano Per qualsiasi problema con la struttura ci pensa Booking.com.

Hotel consigliati a Firenze

Hotel
Grand Hotel Baglioni
Firenze - Piazza Unità Italiana 6Misure sanitarie extra
8,7Favoloso 1.735 recensioni
Vedi Tariffe
B&B
Corte Calzaiuoli Elegant Suites
Firenze - Via dei Calzaiuoli 3Misure sanitarie extra
9,8Eccezionale 609 recensioni
Vedi Tariffe
B&B
Canto degli Aranci
Firenze - Via Giuseppe Verdi 5Misure sanitarie extra
9,7Eccezionale 291 recensioni
Vedi Tariffe
Vedi tutti gli alloggi

Come raggiungere il Ponte Vecchio

Il Ponte Vecchio è raggiungibile quasi esclusivamente a piedi. Ci si arriva in circa 15 minuti di cammino dalla stazione di Santa Maria Novella, camminando lungo Via Panzani, Piazza Duomo, Via Roma e Via Por Santa Maria. Ci si arriva anche da Piazza Signoria, passando sotto la loggia degli Uffizi, oppure dai lungarni. Essendo un punto molto centrale di Firenze, non stupisce che gli itinerari per arrivarci siano davvero molti.

Dall’altra parte dell’Arno, Ponte Vecchio si raggiunge da Porta Romana, percorrendo Via Romana fino a Piazza Pitti, e poi proseguendo lungo via dè Guicciardini.

Arrivare al Ponte Vecchio in auto

Chi volesse arrivare al Ponte Vecchio in macchina può farlo dal lato sud dell’Arno, attraversandolo in corrispondenza del ponte Giovanni Da Verrazzano e proseguendo lungo Lungarno Ferrucci, Lungarno Cellini e Lungarno Torrigiani, fino ad arrivare in Via dè Bardi. Attenzione al fatto che questa zona di Firenze è interamente parte della ZTL, pertanto se non siete residenti e non avete l’autorizzazione di un hotel, dovrete parcheggiare in uno dei garage convenzionati pagando tariffe molto salate. In alternativa, una volta tornati a casa riceverete una multa come spiacevole souvenir di Firenze.

Informazioni utili

Indirizzo

Ponte Vecchio, 50125 Firenze FI, Italia

Dove si trova

Il Ponte Vechio si trova nel cuore del centro di Firenze. Ci si arriva comodamente a piedi dalla stazione Santa Maria Novella, con una passeggiata di circa 10-15 minuti.

Attrazioni nei dintorni