Scandicci

Scandicci, uno dei comuni più popolati dell'area fiorentina, si estende su di una superficie di 59,59 Kmq e conta una popolazione di 50.136 abitanti.
Cerca Hotel, B&B e Case vacanze

Scandicci, uno dei comuni più popolati dell’area fiorentina, si estende su di una superficie di 59,59 Kmq e conta una popolazione di 50.136 abitanti. La sua antichità è attestata dal toponimo latino, sul quale sono state formulate varie ipotesi di derivazione: da scandix, nome di una pianta ombrellifera un tempo presente sulle colline circostanti, o più probabilmente da scandere, cioè salire. Quest’ultima etimologia alluderebbe alla presenza di un’altura da identificarsi con il colle di Scandicci, dove in epoca medioevale sorse il castello, ricordato per la prima volta nel 978, in una donazione fatta dalla contessa Willa alla Badia fiorentina. La storia di Scandicci dal XII secolo è strettamente legata alla Badia di Settimo, imponente organismo religioso che condusse la bonifica della zona e fu investito di funzioni pubbliche dallo stato fiorentino. Sotto il profilo storico amministrativo, il comune ha una storia recente, che inizia a delinearsi nel 1774 con l’istituzione delle comunità di Casellina e Torri. Dal 1868 la località di Scandicci ospitò la sede comunale, ma fu solo nel 1929, con la soppressione delle comunità di Casellina e Torri, che si giunse alla creazione del comune attuale.

Il processo di urbanizzazione, conseguenza del vertiginoso aumento demografico degli anni sessanta del secolo scorso, ha portato Scandicci ad espandersi fino alla periferia fiorentina, potenziando lo sviluppo del commercio e dell’industria, con la nascita di stabilimenti del settore meccanico; in particolare si è affermata l’attività manifatturiera della pelle, grazie alla presenza sul territorio delle maggiori aziende leader del settore. Scandicci è oggi un moderno centro abitativo, circondato da parchi, boschi e da dolci e rigogliose colline, punteggiate di notevoli emergenze storiche e artistiche che arricchiscono il suo complesso e variegato territorio.

Cosa vedere a Scandicci

Villa di Castelpulci a Scandicci

Nel cuore della città la presenza architettonica più rilevante è il Castello dell’Acciaiolo, fortilizio merlato, delimitato da un vasto giardino. Fu edificato nei primi decenni del Trecento dai Rucellai, e prese il nome dalla famiglia fiorentina degli Acciaioli che ne divenne più tardi proprietaria. In questo suggestivo luogo di incontro fra passato e presente, dove da qualche anno si svolgono nella stagione estiva manifestazioni e concerti, verrà realizzato il nuovo centro polifunzionale della pelle. Le più importanti chiese cittadine: Santa Maria a Greve e San Bartolo in Tuto, nonostante i restauri e le trasformazioni che hanno subito nel corso dei secoli, ci hanno tramandato preziose testimonianze artistiche, come la tavola trecentesca raffigurante la Madonna col Bambino di Giovanni da Milano, già nella vecchia San Bartolo in Tuto, è ora custodita nella moderna chiesa di San Bartolomeo in Tuto, vicino alla sede municipale.

Sul colle di Scandicci alto, dove in epoca medioevale era ubicato il castello, è posta la chiesa di San Martino, documentata dal 978, e il complesso di Villa Passerini con l’annesso ex Istituto Agrario. Discendendo il colle, in prossimità delle Bagnese, s’incontra la chiesa di San Giusto a Signano risalente al XIII secolo. Attualmente presenta caratteri seicenteschi nella facciata con doppio arco ribassato, mentre all’interno custodisce un dipinto del XIV secolo con la Madonna il Bambino e Angeli, attribuito a Bernardo Daddi. Risalendo la via Volterrana, sul crinale che separa la Greve dal Vingone, si erge la pieve di Sant’Alessandro a Giogoli, documentata dall’XI secolo e caratterizzata da una semplice facciata a bozze regolari in filaretto di alberese. Nella collina che la fronteggia spicca immersa nel verde la cinquecentesca villa I Collazzi, probabilmente progettata dal pittore e architetto Santi di Tito.

Mosciano

In posizione elevata, lungo la strada che conduce alla Roveta è situato il delizioso borgo di Mosciano, con la chiesa di Sant’Andrea fondata anteriormente al mille sulle rovine del castello cadolingio. La chiesa conserva preziose testimonianze artistiche, come gli affreschi attribuiti a Corso di Buono risalenti al XIII secolo e la tavola duecentesca con la Madonna e il Bambino, riferita al pittore pistoiese Manfredino d’Alberto. Le verdeggianti colline di Mosciano furono fonte d’ispirazione per lo scrittore inglese David Herbert Lawrence, che vi soggiorno nel 1928 presso Villa l’Arcipresso o Mirenda, dove scrisse il suo più celebre romanzo L’Amante di Lady Chatterley.

Casignano

Le pendici del monte la Poggiona ospitano nell’abitato di Casignano, l’omonima villa tardo cinquecentesca e la chiesa fondata nell’824 e intitolata a San Zanobi, patrono di Scandicci, che nel 397 eresse in questo luogo un oratorio. Nella chiesa, recentemente restaurata, sono stati riportati in luce l’antica abside e l’altare in pietra.

San Martino alla Palma

San Martino alla Palma è una delle frazioni più incantevoli dei dintorni di Scandicci, con la cinquecentesca Villa Torrigiani e l’omonima parrocchia dal panoramico loggiato del XVI secolo. La chiesa, ad unica navata, conserva al suo interno pregevoli opere d’arte, fra cui un bel dipinto trecentesco di scuola giottesca, raffigurante la Madonna col Bambino, angeli e devoti. Nel vicino borgo di Rinaldi sorge in posizione rilevata la Villa Antinori, interamente trasformata agli inizi del secolo scorso.

Viottolone

Ritornando verso la pianura, in località Viottolone, preceduta da un lungo viale alberato, s’innalza sulle pendici della collina la Villa di Castelpulci, magnifica residenza campestre della famiglia Riccardi, che mantiene ancora il suo aspetto scenografico settecentesco. Nel 1932, quando il complesso era adibito a manicomio provinciale, vi concluse la sua tragica vita il poeta Dino Campana. I lavori di restauro in corso porteranno alla creazione del Centro Universitario fiorentino della moda. Nella piana di Settimo si trovano notevoli insediamenti religiosi, come la pieve di San Giuliano di origine romanica. Rimaneggiata nel XVII secolo, custodisce la venerata Madonna dei Fiori, opera in terracotta dipinta della bottega di Donatello. Della località di San Colombano, che prende il nome dall’omonima chiesa, ricordata fin dal XIII secolo, era originario Benozzo Gozzoli, famoso pittore fiorentino del Quattrocento. Un altro artista del Rinascimento, Lorenzo Ghiberti, fu proprietario dal 1441 al 1457 della casa da signore, nota come il Palazzaccio, situata in via degli Stagnacci, nella frazione di Granatieri. L’edificio che conserva tracce della sua antichità, verrà presto restaurato.

Settimo

La presenza storica e artistica più rilevante del territorio comunale è la Badia di San Salvatore e San Lorenzo a Settimo, fondata nel X secolo. La chiesa d’impianto romanico, inizialmente appartenne ai benedettini cluniacensi, poi ai vallombrosani e a partire dal 1236 ai cistercensi che fortificarono con potenti bastioni il complesso monastico. Nel corso dei secoli la Badia fu ampliata e arricchita di importanti opere d’arte, come la cappella di San Jacopo, affrescata nel 1315 dal pittore Buffalmacco. Alla seconda metà del Quattrocento risalgono gli affreschi di Domenico Ghirlandaio, le tavole della sua bottega e la Deposizione dalla Croce di Francesco Botticini. Nel 1629 venne affrescata da Giovanni da San Giovanni la cappella di San Quintino, martire del quale si conservano le reliquie portate alla Badia nel 1157.

San Vincenzo a Torri

Un dolce digradare di colline caratterizza il territorio intorno a San Vincenzo a Torri. La pieve situata lungo la via Empolese risale al secolo XI e ha subito vari rifacimenti fra il XV e il XVIII secolo. L’altare maggiore è ornato dal pregevole Crocifisso di ligneo policromo del XIII secolo. Nelle vicinanze della pieve di Torri, prendendo la Via del Lago si incontra la Villa di Vico e poi attraverso il bosco si raggiunge Il Mulinaccio , un complesso paleoindustriale semidiroccato di grande suggestione, costituito da una diga, un ponte e un mulino, fatto costruire a partire dal 1634 dalla famiglia Galli Tassi, proprietaria della vicina Villa I Lami.

Questa residenza di campagna del XVI secolo presenta linee architettoniche semplici e severe, in perfetta armonia col paesaggio circostante. Completa il panorama delle emergenze territoriali il Parco di Poggio Valicaia, recentemente trasformato in Museo d’arte ambientale. Nei suoi 68,5 ettari di prati e boschi hanno trovato stabile sistemazione, in simbiosi con il lussureggiante contesto naturalistico, le opere di alcuni fra i più interessanti artisti contemporanei.

Dove dormire a Scandicci

Per vedere tutte le strutture e prenotare un alloggio a Scandicci utilizza il form seguente, inserendo le date del soggiorno.

Offriamo le migliori tariffe Se trovi a meno rimborsiamo la differenza.
Cancellazione gratuita La maggior parte delle strutture permette di cancellare senza penali.
Assistenza telefonica h24 in italiano Per qualsiasi problema con la struttura ci pensa Booking.com.

Hotel consigliati a Scandicci

Hotel
Hotel I Cedri
Scandicci - Pisana 595/a
8,6Favoloso 131 recensioni
Vedi Tariffe
Lebbiano Residence
Scandicci - Via Delle Croci 50Misure sanitarie extra
9,2Eccellente 131 recensioni
Vedi Tariffe
Hotel
Hotel Marzia
Scandicci - Via Duccio Tessari, 2Misure sanitarie extra
8,4Ottimo 621 recensioni
Vedi Tariffe
Vedi tutti gli alloggi

Dove si trova Scandicci

Vedi gli alloggi in questa zona

Località nei dintorni