Collodi

Collodi è famosa per aver dato lo pseudonimo a Carlo Lorenzini, l'autore di Pinocchio. Ma è anche uno splendido borgo le cui origini risalgono al XII secolo.
Cerca Hotel, B&B e Case vacanze

L’antico borgo di Collodi, in provincia di Lucca ma a brevissima distanza dal confine con Pistoia, si presenta come una vera e propria “cascata” di case piccole e arrampicate sul pendio di un colle scosceso, disposte sui lati di due triangoli che si toccano con i vertici. Alla base del triangolo superiore c’è l’Antica Rocca, all’altra, invece, la maestosa Villa Garzoni, che sorge sulle rovine dell’antico Castello medievale e che sembra sorreggere l’intero borgo.

Nel 2004 il Touring Club Italia ha insignito Collodi del prestigioso marchio di qualità turistico-ambientale Bandiera Arancione qualificandosi come una delle località dove il rispetto dell’ambiente, della tipicità e della cultura dell’accoglienza sono fra le più curate e autentiche.

Tra le principali attrazioni di Collodi c’è sicuramente il Parco monumentale di Pinocchio, un grande museo all’aperto e luogo di relax per visitatori di tutte le età, in onore del burattino più famoso del mondo: occasione di gioco e fantasia per i più piccoli, esperienza artistica di elevato arricchimento culturale che si colloca a pieno titolo tra i patrimoni d’arte contemporanea per i gli appassionati d’arte.

Come molti sanno, Collodi è infatti lo pseudonimo di Carlo Lorenzini, famoso scrittore fiorentino che scrisse il romanzo per ragazzi Le avventure di Pinocchio. Storia di un burattino, per tutti semplicemente Pinocchio. Fu infatti qui che l’autore trascorse buona parte della sua infanzia, poichè qui si trovava la casa del nonno materno. Questo legame indelebile con la cittadina ha fatto sì che oggi essa sia associata e identificata con Pinocchio, libro da cui poi sono stati tratti fumetti, rotocalchi e cartoni animati.

Cosa vedere a Collodi

I giardini di Villa Garzoni

Collodi oggi concentra le sue attività intorno alle sue tre principali attrazioni turistiche: la Villa Garzoni, il giardino Garzoni e il parco di Pinocchio. Naturalmente, vale la pena esplorare anche il borgo storico, noto come Collodi Castello.

Soprattutto da aprile a ottobre, Collodi ospita migliaia di visitatori di ogni parte d’Italia e dall’estero. Se vi trovate in zona intorno al 24 di agosto non perdetevi i festeggiamenti per il patrono del paese; durante tutta la settimana viene allestito anche il luna park, che arricchisce ancor di più l’atmosfera di divertimento.

Parco di Pinocchio

Il parco di Pinocchio, inaugurato nel 1956, non è un consueto parco di divertimento, ma piuttosto la preziosa creazione collettiva di artisti di grande personalità. Il percorso letterario, scandito da mosaici, edifici e sculture immerse nel verde, nasce grazie all’ unione fra arte e ambiente: l’andamento è tortuoso, la folta vegetazione fa sì che ogni tappa giunga sorprendente e inaspettata, le piante stesse contribuiscono a creare l’atmosfera e gli episodi del racconto delle avventure di Pinocchio.

Il parco stesso è un luogo di attività culturali sempre rinnovate ma mai dimentiche delle proprie radici: vengono allestite mostre d’arte e d’illustrazioni ispirate alla lettura per ragazzi e alla storia di Pinocchio, laboratori di creazione burattini, e spettacoli di burattini, marionette e cantastorie.

L’idea di realizzare un complesso monumentale dedicato a Pinocchio fu del sindaco di Pescia, il Professor Rolando Anzilotti, che nel 1951 costituì il comitato per il Monumento a Pinocchio ed invitò i maggiori artisti a concorso. Furono ben 84 gli scultori che risposero: vincitori ex aequo furono Emilio Greco con Pinocchio e la Fata e Venturino Venturini con la Piazzetta dei Mosaici. Nel 1956 si inaugurarono il celebre gruppo bronzeo, che raffigura simbolicamente la metamorfosi di Pinocchio, e gli straordinari mosaici con i principali episodi delle sue avventure, in uno spazio progettato da architetti Renato Baldi e Lionello De Luigi.

Maggiori informazioni

Villa Garzoni

La splendida villa Garzoni si trova, quasi a sorreggerne il peso, ai piedi del paese di Collodi. Le prime notizie certe della villa, opera dell’architetto lucchese Ottaviano Diodati con la partecipazione del proprietario marchese Romano Garzoni, risalgono alla prima metà del XVII secolo. La “bella villa di Collodi“, descritta in quegli anni anche dal pittore Georg Christoph Martini, ebbe fra i contemporanei grandissima fama.

Dietro alla villa si apre, su uno spazio verde, un edificio di particolare interesse, progettato da Filippo Juvarra. Tale edificio, di colore rosso vivo, può considerarsi una delle più rilevanti espressioni di architettura barocca in Toscana. La villa non è visitabile ma la sua mole imponente può essere ammirata a distanza perché è posta in posizione elevata rispetto al paesaggio circostante.

Giardino Garzoni

Il giardino di villa Garzoni a Collodi è uno dei più belli d’Italia. Sintesi fra la geometricità rinascimentale e la spettacolarità del nascente Barocco, fu progettato nel Settecento dall’architetto lucchese Ottaviano Diodati.

Disposto su piani terrazzati è caratterizzato da una maestosa scalinata a doppia rampa e da un complesso sistema idraulico che nei secoli passati creava giochi d’acqua. L’atmosfera leggera e gaudente della villa raggiungeva il culmine nel padiglione dei bagni, o Bagnetti, dove le dame e i cavalieri potevano dedicarsi a maliziosi giochi di sguardi fra spruzzi d’acqua, specchi e labirinti nel verde.

E’ una esperienza assolutamente indimenticabile perdersi fra le meraviglie di questo luogo della fantasia: grotte, teatri ricavati da siepi di bosso, statue rappresentanti esseri mitologici, satiri, figure femminili, serre con i pavoni, foreste di bambù.

Da non perdere la butterfly house, ossia la casa delle farfalle, una zona dove le farfalle sono libere di volare in bellissimi giardini esotici dove sono garantiti sistemi di controllo biologico naturale. Sono stati riprodotti gli ambienti amazzonico, neotropicale, afrotropicale e indoaustraliano nel rispetto, prima di tutto, delle esigenze delle farfalle stesse.

Nel periodo estivo, il giardino di villa Garzoni ospita manifestazioni e concerti che valorizzano ancor di più la piacevolezza del luogo.

Collodi Castello

L’antico borgo di Collodi, detto Collodi Castello, si trova in posizione strategica sulla cima di una collina, anche se ebbe la sfortuna di trovarsi sulla fascia di confine fra il territorio lucchese e quello fiorentino, e fu quindi conteso dal 1329 al 1442. Dopo che fu conquistato dalla Repubblica di Lucca, assunse il suo aspetto attuale.

Ancora oggi si può percorrere solo a piedi: è una cascata di piccole case arrampicate su di un colle scosceso: in alto l’antica Rocca, in basso la maestosa Villa Garzoni.

Lungo le vie strette e lastricate le case mantengono l’impianto medievale, si incontrano i resti delle fortificazioni e, alla sommità del paese, la Pieve di San Bartolomeo, risalente al XIII secolo, al cui interno sono conservate importanti opere d’arte tra cui una tavola cinquecentesca con La vergine in trono da alcuni attribuita alla scuola di Raffaello, una scultura lignea della Vergine col Bambino del XV secolo, una terracotta dello stesso periodo raffigurante Santa Lucia e una scultura lignea di San Bartolomeo della scuola di Jacopo della Quercia.

Via della Fiaba

La Via della Fiaba è un percorso pensato per chi ama camminare. Si snoda fra Pescia e Collodi nelle dolci colline che circondano i due borghi, e prende il suo nome dal fatto che il tracciato è costellato da originali installazioni artistiche che richiamano il mondo dei più piccoli e ci portano nel clima fiabesco di Pinocchio.

Dalla città di Pescia si può partire dall’antico Monastero di San Michele e imboccare via della Cappella che sale e si inoltra nella campagna fino ad arrivare ad un ponte medioevale che attraversa il ruscello Dilezza. In un’ora e mezzo, forse due, di passeggiata, a seconda del ritmo più o meno lento che si intende mantenere, si raggiungono Villa Garzoni e Collodi.

Pieve di San Bartolomeo

La Pieve di San Bartolomeo a Collodi è un luogo con un fascino d’altri tempi. La si raggiunge percorrendo salite e ripide scalette perché si trova proprio in cima al borgo di Collodi. Amatissima dagli abitanti di Collodi conserva all’interno varie opere compreso un venerato crocifisso dello scultore lucchese Guglielmo Santi. Soprattutto conserva un prezioso organo realizzato nel 1762 dal maestro artigiano Michelangelo Crudeli che proprio pochi anni prima si era stabilito nella vicina Lucca. Con questo stupendo strumento musicale, capace di emettere un suono purissimo e dotato di registri di concerto con caratteristiche singolari, Collodi si inserisce nel prestigioso percorso degli organi storici presenti nella nostra provincia.

L’Accademia di Musica Italiana per Organo di Pistoia mantiene viva ancora oggi la tradizione della musica organistica attraverso iniziative, concerti, corsi, pubblicazioni. Presso la pieve di San Bartolomeo è possibile assistere ad alcuni di questi speciali concerti e ascoltare il ricercatissimo suono del suo antico organo.

Dove dormire a Collodi

Collodi è molto piccola, e pertanto le strutture dove dormire non sono poi tantissime. Nel borgo storico ci sono una manciata di appartamenti in affitto, finemente ristrutturati e ospitati all’interno di antichi palazzi medievali. Qui il richiamo di Pinocchio è tale che alcuni di essi si chiamano proprio come i personaggi della fiaba.

Ci sono anche altre strutture dove dormire nei vicini borghi di San Gennaro e Petrognano, anch’essi per gran parte appartamenti o piccoli bed and breakfast.

Per un ventaglio più ampio di scelta, consigliamo di dormire a Pescia, cittadina di quasi 20 mila abitanti situata a pochi chilometri di distanza, dove l’offerta è ben più ampia e variegata: ci sono anche alcuni hotel, di cui alcuni molto belli dotati anche di piscina.

Offriamo le migliori tariffe Se trovi a meno rimborsiamo la differenza.
Cancellazione gratuita La maggior parte delle strutture permette di cancellare senza penali.
Assistenza telefonica h24 in italiano Per qualsiasi problema con la struttura ci pensa Booking.com.

Hotel consigliati a Collodi

Agriturismo
Fattoria Gambaro di Petrognano
Collodi - Via di Petrognano, 13Misure sanitarie extra
8,5Favoloso 96 recensioni
Vedi Tariffe
Agriturismo
Fattoria di Fubbiano
Collodi - Via di ToforiMisure sanitarie extra
8,6Favoloso 53 recensioni
Vedi Tariffe
B&B
A COLLODI IO & MAMMA
Collodi - 15 Via VecchiaMisure sanitarie extra
9,3Eccellente 34 recensioni
Vedi Tariffe
Vedi tutti gli alloggi

Come raggiungere Collodi

Collodi è posta a circa metà strada tra Lucca e Pistoia; la si raggiunge in circa 20-25 minuti di viaggio da entrambi i centri delle due province toscane, procedendo lungo la strada che le collega, che si chiama via Pesciatina per chi proviene da Lucca o via Lucchese per chi proviene da Pistoia.

Arrivarci dalle altre province della Toscana è tutto sommato semplice, poichè sia Lucca che Pistoia sono ben servite dall’autostrada A11 Firenze-Mare. Il casello più vicino al centro di Collodi è quello di Chiesina Uzzanese, che dista soltanto 10 chilometri dal borgo storico.

Per quanto riguarda le distanze, da Firenze il viaggio verso Collodi è lungo circa 70 chilometri per una durata di 50 minuti. Per chi arriva dalle città della costa toscana come Pisa o Livorno la durata è grosso modo equivalente, ma in termini di chilometri è leggermente più breve.

Dalle province dell’entroterra come Siena e Arezzo invece il viaggio è ben più lungo: si parla di circa un’ora e mezzo, per una distanza da coprire variabile tra i 120 e i 150 chilometri.

Se viaggiate con i mezzi pubblici, dovrete prima prendere il treno fino a Pescia, che si trova sulla linea ferroviaria regionale Firenze-Prato-Viareggio. Scesi dal treno, potete prendere l’autobus E6 fino alla fermata via Pesciatina Dogana e poi procedere a piedi per circa 30 minuti – in salita – fino a Collodi Castello. In alternativa, è decisamente più comodo chiamare un taxi dalla stazione di Pescia, anche se vi costerà un po’ di più.

Meteo Collodi

Che tempo fa a Collodi? Di seguito le temperature e le previsioni meteo a Collodi nei prossimi giorni.

lunedì 30
10°
martedì 31
12°
mercoledì 1
giovedì 2
13°
venerdì 3
10°
sabato 4
12°

Dove si trova Collodi

Collodi si trova in provincia di Lucca, ma a pochissima distanza da Pescia, situata in provincia di Pistoia: è quindi al confine tra le due province della Toscana.

Vedi gli alloggi in questa zona

Approfondimenti

Parco di Pinocchio

Parco di Pinocchio

A Collodi, borgo della provincia di Pistoia, non perdetevi il parco di Pinocchio, ispirato al burattino più famoso del mondo opera di Carlo Lorenzini.
Leggi tutto

Località nei dintorni